c
Welcome to my blog,
if you want,
you can have one also.
Enjoy!

Cosa significa “NATURALE”?

Prima d’inserire il termine “NATURALE” nel nome del sartino mi sono soffermata un sacco di volte su suo significato e su ciò che significasse questa parola per me.

Per prima cosa sono andata a cercare il suo significato sul dizionario ed ho trovato questo:

naturale / na·tu·rà·le / aggettivo

  1.  Attinente alla natura in quanto realtà fenomenicascienzeleggi n. ), e soprattutto elementarità originaria ( colori n. ) o sussistenza oggettiva di prodotti, fatti, funzioni o competenze ( ricchezze n.), talvolta riconducibile a indiscussa ovvietà ( è n. che venga anche lui ).
  2.  Che possiede o conserva freschezza, genuinità o spontaneitàverdura al n. ; un n. moto di simpatia ; mi viene n. pensare ad alta voce ), tecnicamente interpretabile anche come imitazione o riproduzione fedele della realtà, anche nelle dimensioni ( ritratto al n. ).

Ciò che questo aggettivo è per me è qualcosa di molto simile a quello che il dizionario ha spiegato, ma in più ha una componente sentimentale che la rende parte fondamentale per “Il Sartino” e anche per Sara ( che sono la stessa cosa).

NATURALE per me ha un significato profondo che collega mente e cuore.
È quella parolina magica che definisce l’agire nel mio lavoro e nella mia stessa vita.

Quando ho deciso di utilizzare il termine “NATURALE” nel nome della mia attività volevo che fosse qualcosa di autentico ( non me ne vogliano le persone che mal digeriscono questo termine, se volete potete sostituirla con ” GENUINO”).
E cosa c’è di più genuino di qualcosa che è già presente in natura?!

Ho deciso così di utilizzare solo tessuti naturali come: seta, canapa, lino, cotone, lana, ortica, soia; e con essi solo tinte che provenissero dalla natura e che potessi realizzare io stessa.
Non a caso il motto “se non posso tingerlo io allora lo utilizzo bianco” è uno dei capisaldi.

Inizialmente è stato difficile lo ammetto, vivevo il mio desiderio come una limitazione, ogni volta che serviva un tessuto con un certo colore non mi bastava andare al negozio di tessuti e sceglierlo, dovevo crearlo da zero, per qualche tempo ho persino invidiato le mie colleghe artigiane e la loro velocità; ma il motivo per cui faccio ciò che faccio ha vinto e vince tutti i giorni su ogni scorciatoia.

La nostra pelle è l’organo che più esteso del nostro corpo ed è anche quello che maltrattiamo di più. Ma non ci verrebbe mai in mente di farlo con i più piccini;

allora perché utilizzare materiali tinti con colori sintetici?
Perché utilizzare tessuti sintetici?
Perché donare loro pupazzi con questi materiali?

Quando i bimbi sono piccoli per conoscere il mondo la prima cosa che fanno è portare alla bocca ogni cosa, compresi proprio quei pupazzi

perché non scegliere allora materiali totalmente naturali?

Questo è ciò che anima il mio lavoro e che poi si riflette sulla mia vita, non a caso si utilizziamo principalmente zuccheri della frutta per i nostri dolci, prediligo il biologico e il km0 ma soprattutto ho imparato a leggere le etichette e capire cosa veramente è naturale e cosa è puro marketing.

Perché si, purtroppo il Marketing tende ad abusare e a piegare i termini in base a ciò che le aziende vogliono ottenere e bisogna fare attenzione.

Dal canto mio cerco di essere più trasparente possibile nel modo in cui lavoro per dare la possibilità a tutti di vedere come lavoro ed essere d’aiuto a chi come me non si accontenta del “naturale” che trova in giro ( che diciamocelo a volte, in fondo in fondo, tanto naturale non è) .

Anche per questo ho deciso di inserire una descrizione dei materiali utilizzati su ogni pupazzo oltre finalmente alla Marcatura CE, perché naturale e sicurezza vanno di pari passo in casa il Sartino.

ti ritrovi in tutto questo?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.